Trench: il soprabito del coraggio | Marchetti Collezioni | Negozio d'abbigliamento Foggia
Top
 

Trench: il soprabito del coraggio

Il trench è attualmente il cappotto più in voga, e non ci sono dubbi a riguardo.

Ma come nasce? E soprattutto, perché?

A noi piace scoprire la storia nascosta o dimenticata di capi d’abbigliamento emblematici come questo magnifico soprabito che negli anni ha conquistato il mondo intero.

Ufficialmente il Trench nasce nel 1901, quando il Ministero della Guerra britannico ordinò un tipo particolare di impermeabile, in grado di richiamare stilisticamente il classico cappotto militare d’ordinanza.

La realizzazione fu affidata ad un noto marchio che già dal 1856 produceva impermeabili in gabardine.

Il termine completo per indicare questo particolare capo d’abbigliamento è “Trench Coat” che letteralmente significa “cappotto da trincea”.

Un soprabito indossato dai soldati quindi, per proteggersi dalle intemperie mentre erano in battaglia, tra tra colpi di mortaio e qualche preghiera.

Il trench ha completamente perso i connotati militari ed è diventato un capo iconico che ha conquistato e continua a conquistare senza riserve.

Grandi attori come Humphrey Bogart o Peter Falk lo hanno indossato per interpretare personaggi “unici” del cinema internazionale. Come dimenticare il Tenente Colombo e il suo tanto bistrattato trench?

Questo doppio petto con la cinta dona fascino e stile forse proprio perché rimanda nell’immaginario collettivo alle grandi gesta dei soldati, e al mondo dello spettacolo che alimenta il mercato della moda e ne estrae nuove tendenze.

Indossare il Trench non è da tutti, ma chi lo indossa non fatica ad attirare l’attenzione. E lo fa con eleganza.

Perfetto per la mezza stagione è diventato un must have assoluto per chiunque voglia distinguersi dalla massa. Uomini e donne, sportivi, casual, eleganti, non ha importanza: indossare un trench arricchisce il carisma, e dona fascino.

Un tempo era realizzato da poche aziende, nei classici colori coloniale, beige o verde militare, oggi si trova anche in mille sfumature di blu, nero, grigio, bianco o persino rosa!

Un capo immortale, da provare almeno una volta nella vita, con la consapevolezza di potersene innamorare definitivamente.